Diario di un viaggio nel gusto

Questo blog è il diario di un'avventura che inizia, la mia avventura, condotta per sentieri che non mi sono del tutto nuovi ma che attraverso il loro andare mi condurranno ad esplorare nuovi lidi.... il verde è il colore che predominerà la mia strada, il suo profumo ne sarà l'aroma allietante e suadente... un percorso gastronomico, il mio, di vita, di credo... una scelta, uno stile, il mio ritmo... ricette che trarranno dalla terra il proprio profilo, che dell'erba avranno la gentilezza e la delicata essenza, il sapore avranno della semplicità e dei sensi saranno stimolo e soddisfazione.... Un viaggio nella cucina... con la creatività e la curiosità che sempre portano lontano...

umorale

umorale
trasparenze autunnali

sabato 4 settembre 2010

CREMA BIANCA AL MIELE CON FICHI E CRUMBLE DI MANDORLE

L'estate scivola via lasciandomi un lieve tocco di malinconia, la calma che si avvia a tornare fermento, il sole che lascia il posto al friccicore dei cieli autunnali.
Soprattutto lascio Carrara e la Toscana per tornare a Roma. La quiete e la bellezza dolce, gentile di questi luoghi mi sono nel cuore come le baie incantate di cui il mare fa mostra in silenzio, come le montagne a tratti verdi di rigogliose fioriture e poi bianche di marmo, come i paesini arroccati tra le rocce e i costoni della riviera...
Mi sono nel cuore il mio fruttivendolo, il macellaio persino, la ragazza della pasticceria che sforna le paste più buone del mondo... sfoglie ripiene di mele, di riso, burrose e caramellate. Sono nel cuore i "loro" prodotti, davvero "loro", dell'orto di casa, i fichi dell'albero, i mirtilli e le more del boschetto, i pomodori, l'uva succosa... il lardo fatto nelle conche di marmo, con le spezie spontanee di questa ricca terra.
Ho nel cuore ogni piazzetta, viva nel suo tranquillo aspetto di signora di provincia, mite, curata e riservata. Amo tutto di qui...
Amo la voce sonora del mare e il frinire dei grilli, i tramonti infuocati che accendono il profilo della cittadina e le luci dell'alba che accendono fiocamente le cime dei monti marmorei, così vivini che sembra di poterli sfiorare allungando una mano...
Questo dolce è un arrivederci a questi luoghi, una chiusura delizievole che già sembra protendersi verso la nuova stagione per la presenza dei fichi.
E' un dolce delicato, dal sapore leggero che arriva in punta di piedi per poi fermarsi e lasciarsi gustare.
E' una fotografia, l'ennesima, di questi luoghi tanto amati.
CREMA BIANCA AL MIELE CON FICHI E CRUMBLE DI MANDORLE
Occorrono (per quattro porzioni): 6 fichi maturi, 80 g di mandorle spellate, 50 g di burro, 20 g di farina, 60 g ricotta di pecora, 60 g yogurt bianco intero, 100 ml latte parzialmente scremato, 50 g fruttosio, 2 cucchiai abbondanti di semola di grano (semolino), 2 cucchiaini di miele, 2 fogli di gelatina, un pizzico di sale.
Per iniziare unite in una ciotola la farina, il fruttosio, le mandorle tritate a farina (nel mixer) e il burro a dadini, quindi impastate con le dita fino ad ottenere un composto omogeneo che dovrete stendere in una piccola teglia foderata di carta da forno e lasciar riposare per circa trenta minuti a temperatura ambiente. Nel frattempo, scaldate il forno a 160°.
Mettete i fogli di gelatina in ammollo in acqua fredda, poi versate in un pentolino il latte con il semolino ed un pizzico di sale. Fate cuocere fino a bollore, mescolando continuamente. Quando la semola raccoglie il liquido spengete, aggiungete il miele, amalgamate bene e tenete da parte.
In un'altra ciotola amalgamate intanto la ricotta con lo yogurt, quindi scolate la gelatina e fatela sciogliere brevemente sul fornello, a fiamma bassissima, con un goccio piccolissimo di acqua. Versate la gelatina nella crema di ricotta e mescolate, infine aggiungete il composto di semolino. Tutti gli ingredienti devono amalgamarsi fino ad ottenere una crema liscia e soda.
Infornate nel frattempo, per circa dieci minuti, il composto a base di mandorle, quindi fatelo raffreddare e sbriciolatelo con le mani.
Completate componendo le coppette. Lavate i fichi, sbucciateli e tagliateli a rondele. Ponetene alcune sul fondo delle coppette, versateci sopra la crema quindi ponete in frigo per almeno un'ora prima di servire.
Per portare in tavola, cospargete con il crumble e completate decorando con altre fette di fico.
Questo dolce è ottimo a conclusione di una cena leggera e salutare ma è anche buonissimo a merenda, magari in terrazza, godendo di queste ultime giornate d'estate... Io l'ho accompagnato con del caffè freddo ma un buon vino dolce ci starebbe benissimo.
E' importante che i fichi siano molto dolci e ben maturi poichè la delicatezza di queste coppette si esalta proprio con le note succose di questi frutti.
Con questa ricetta partecipo al gustoso contest del blog: http://laginestraeilmare.blogspot.com

E per finire spendo volentieri alcune parole per il primo blog candy di Imma di "dolci a go go" che immagino tutti conosciate. Io penso sinceramente che il suo blog sia un dono, ogni sua ricetta un vero regalo, un'esperienza dei sensi tutti perchè lei riesce a mettere in tutto ciò che fa la sua naturale dolcezza, la positività del suo viso, la simpatia del suo parlare, la familiarità del suo vivere e la sua incredibile bravura.
Imma è stata uno degli "incontri" di cui sono felice da quando il mio blog accompagna le mie giornate.
Insomma, grazie di cuore Imma...
Passate a trovarla, resterete incantati: http://dolciagogo.blogspot.com/

24 commenti:

  1. Ho letteralmente la bava ai lati della bocca, non solo per la ricetta ma anche per quelle "tazze" favolose. ciao e buona domenica

    RispondiElimina
  2. Veramente speciale!!!! Proverò a realizzarla!!!
    Un bacio Francesca

    RispondiElimina
  3. sono molto belli questi bicchieri mi piace molto l'abbinamento degli ingredienti e anche l'origine dal fruttosio al miele per zuccherare un piccolo capolavoro

    RispondiElimina
  4. Buonissima e presentata in maniera raffinata!!! brava!!! buona Domenica

    RispondiElimina
  5. Ciao Deborah,
    è da un bel pò che non sono passata da te, scusami:))
    Mi piace questo dolce: è molto raffinato e chic! Sei sempre bravissima, chef!
    Un bacione

    RispondiElimina
  6. wow è sempre un piacere passare nel tuo blog...mi ci tufferei dentro!!!bravissima!baci!

    RispondiElimina
  7. Una deliziosa preparazione, molto delicata e raffinata, presentata stupendamente!!!! Complimenti tesoro, un abbraccio

    RispondiElimina
  8. tesoro tu mi lasci senza parole sono sinceramente emozionata per quello che hai scritto del resto tesoro tu nn scrivi post ma poesie...leggerti è smepre un piacere immenso e questo dolce che accompagna il tuo ritorno a roma e un degno coronamento ad una magnifica estate e alla nostra amicizia che spero un giorno nn sia solo virtuale!!!bacioni grandi,tvb,imma

    RispondiElimina
  9. Queste coppe devono essere mie!!! E che bella la teiera, ha un che di arabeggiante.

    RispondiElimina
  10. Ciao! a noi invece i dolci al micro son l'unica cosa che proprio non riesce!
    ma che delizia questi bicchierini: golosissimi, dolci e con la nota croccante finale...e chi è in grado di resistervi??
    davvero bravissima! un mix di ingredienti perfetto!
    bacioni

    RispondiElimina
  11. Ciao cara!! Hai realizzato davvero una coppa strepitosa!! Bravissima!! Bacioni.

    RispondiElimina
  12. Come sempre delicatezza e buon gusto ti contraddistinguono. Sei veramente brava!!Non per altro ami la mia terra anche se un pò al confine....!!!!Buona notte deny

    RispondiElimina
  13. Ma sono la fine del mondoooo!!!!Quanto ne mangerei subito una!!!!!I fichi, le mandorle e poi le briciole croccanti....da sogno!!!!Un bacio Debby...sei fantastica!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao,
    siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
    Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
    Se ti va puoi seguirci.
    A presto!
    Trattoria Trinacria
    http://trattoriatrinacria.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. che meraviglia le tue coppe! un sogno come quello che scrivi!
    un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  16. Deborah, un dolce molto particolare e raffinato.
    Congratulazioni per il buon gusto.
    Baci e buona settimana.

    RispondiElimina
  17. Che bel dolce, raffinato!
    E le fotografie che hai fatto ne sottolineano l'eleganza!
    Complimentissimi!

    A presto!
    Elisa

    RispondiElimina
  18. Posso solo immaginare cosa si prova dover partire e andare lontano a dei posti così belli!
    Il tuo dolce è da svenimento!!!!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Ciao Deborah, bentornata!!! Che buone queste coppette, ma anche quella caraffa porta caffè è strpitosa!! Che bello poterti rileggere, mi eri mancata!!!

    RispondiElimina
  20. Una presentazione bellissima per un dolce sublime....complimenti sei bravissima!!
    ciaooo

    RispondiElimina
  21. Complimenti Debora non solo per quelle coppe che hanno un aspetto a dir poco delizioso... è sempre un piacere leggere i tuoi post, riesci con le parole a trasferirmi le tue emozioni! Baci Manu.

    RispondiElimina
  22. Tesoro, grazie della visita, buon fine settimana, baci

    RispondiElimina
  23. Beddha Matre! :-D Questa crema è pura goduria!!!

    RispondiElimina
  24. Eccomi, alla fine ce l'ho fatta! Scusami per il ritardo vergognoso con cui arrivo qui da te, ma non so se hai letto che questo è un periodo di dure battaglie tra me, i miei neuroni superstiti e le normali azioni quotidiane! Bando alle ciance sono qui per dirti che 1)la ricetta è d'una raffinatezza pazzesca! mi piace moltissimo!2)il tuo blog è un raggio di sole! 3) sono felice di averti trovata! 4) grazie per essere passata da me!
    baciuzzi siculi

    RispondiElimina