Diario di un viaggio nel gusto

Questo blog è il diario di un'avventura che inizia, la mia avventura, condotta per sentieri che non mi sono del tutto nuovi ma che attraverso il loro andare mi condurranno ad esplorare nuovi lidi.... il verde è il colore che predominerà la mia strada, il suo profumo ne sarà l'aroma allietante e suadente... un percorso gastronomico, il mio, di vita, di credo... una scelta, uno stile, il mio ritmo... ricette che trarranno dalla terra il proprio profilo, che dell'erba avranno la gentilezza e la delicata essenza, il sapore avranno della semplicità e dei sensi saranno stimolo e soddisfazione.... Un viaggio nella cucina... con la creatività e la curiosità che sempre portano lontano...

umorale

umorale
trasparenze autunnali

lunedì 22 novembre 2010

TERRINA DI NOCI E FORMAGGI

Mi piacciono molto i formaggi in genere. Hanno sempre un retrogusto di genuinità ed un sapore che ha molto della campagna. Rimandano i miei pensieri a ricordi lontani nel tempo, di una me bambina, spensierata e gaia, che si affaccendava tra fili d'erba e sterminate radure verdi per raccogliere fiori da regalare alla mamma. Il mio papà si alzava di buon'ora e con gli zii si recava in alta montagna, a fare passeggiate salutari, mentre il giorno non ancora nato riportava lentamente la veglia a noi bambini.
Solitamente tornava con latte fresco, appena munto, e con fette di formaggio fresco, caciottine di pecora o mucca, dal profumo di animale, di pascolo, di erba...
Era una goduria mangiarne fette sottili adagiate sul pane brustolito nel camino. Una vera gioia per il palato ma soprattutto per le emozioni che allora sapevano di buono, di enfatico, di fantastico... Mi affacciavo alla vita con le migliori promesse nel cuore!!
Del formaggio conservo ancora oggi il mito. Cibo semplice, povero, eppure sapientemente realizzato dalle mani dell'uomo. Figlio della natura, certamente, ma di quella derivato alchemico, frutto di lavorazione e tempo... di sole, di aria...
Questa terrina racchiude molti formaggi, molti profumi e sapori. La sua consistenza è tenera ma non spalmabile, il suo insieme un tripudio di gusto, di campagna, di domeniche assolate...
La realizzo di tanto in tanto, per ritrovare nel mangiarla quella stessa gioia genuina. Funziona!
E' ideale come antipasto, se piace, accompagnata da ottimo miele... Allora il gusto è completo.
Per una terrina da circa otto porzioni occorrono: 100 g di burro chiarificato, 100 g di stracchino allo yogurt, 100 g di taleggio, 100 g di gorgonzola, 130 g di fontina valdostana a fette, noci q.b.
Lavorate in una terrina metà del burro ammorbidito a crema e tenete da parte, quindi mescolate l'altra metà con il gorgonzola e riduceteli in un composto spumoso. In un'altra ciotola incorporate lo stracchino al taleggio, mescolandoli bene.
Foderate uno stampo a cassetta con carta alluminio, qindi rivestitelo con uno strato di fette di fontina. Sformatevi sopra uno strato di burro e gorgonzola, quindi livellatelo e ponetevi sopra i gherigli di alcune noci già sbucciate e separate. Coprite le noci con uno strato di stracchino e taleggio, quindi fate un secondo strato di noci. Infine, spalmate su queste il burro al naturale tenuto da parte. Completate con uno strato di fette di fontina, comprimete un poco per livellare i formaggi e richiudete con altra carta alluminio.
Lasciate riposare la terrina in frigorifero per almeno due ore a rassodare.
Prima di servire, sformate su un piatto da portata rovesciando lo stampo e decorate la superficie con altri gherigli di noci.
Mettete in tavola una ciotolina di liele per accompagnare.
Con questa ricetta partecipo al goloso contest del blog: www.lericettedielisina.blogspot.com

18 commenti:

  1. wow... che delizia di terrina, è stupenda, formaggi e noci cosa c'è di più buono, che meraviglia... complimenti anche per la presentazione... bravissima Debora!!!

    RispondiElimina
  2. Mi piace la tua terrina!! E mi piacciono tantissimo le noci!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Insomma il formaggio è un alimento che ti evoca molti ricordi, pensoche quello portva il tuo papà dovev avere un sapore speciale.
    Gran bella idea questa terrina, la si può preparare in anticipo, è perfetta per quando si vuole guadagnare tempo in cucina!

    RispondiElimina
  4. Faccio un piatto molto simile, ma senza il burro...bisogna che rispolveri la ricetta, grazie del bel suggerimento :-)

    RispondiElimina
  5. Che bella terrina...necessita solo dell'assaggio...ma... Mi hai fatto ricordare quando anche io andavo giornalmente a prendere il latte e il contadino lo mungeva davanti a me...che bei tempi, buona giornata Deborah.

    RispondiElimina
  6. Mi hai richiamato alla mente quando ero piccola e la mia nonna faceva il formaggio in casa, primosale e ricotta con un gusto unico che non ho più ritrovato. Gran bella idea le terrina, comoda da preparare in anticipo e molto d'effetto. Un bacione tesoro, buona settimana

    RispondiElimina
  7. Deliziosa e delicata questa terrina...Deborah, sai sempre prendermi per la gola!!! brava tesoro :)

    RispondiElimina
  8. Buongiorno cara, ma questa terrina è fantastica chissà come è buona!!
    senpre più brava e di classe!!
    un bacio buona giornata
    Anna

    RispondiElimina
  9. Carissima, complimenti per questa stupenda terrina, un'idea veramente deliziosa e raffinata!!! Un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  10. tesoro nn c'è che dire come descrivi tu le ricette nessuna e questa terrina deve essere un mix di sapori davvero speciali...adoro queste terrine sopartutto da portare in tavola i giorni di fetsa e sono sicura che la tua ci starà benissimo.....tesoro grazie per le belle parole che mi scrivi nel blog mi emozioni ogni volta!!!tvbbbbbbbbbb,imma

    RispondiElimina
  11. Che buona! Io adoro i formaggi!!!

    RispondiElimina
  12. Bella ricetta la prendo molto volentieri per la mia cucina, mi piace !! ciao

    RispondiElimina
  13. mamma mia che bontà......una fetta please!!!! ciao

    RispondiElimina
  14. Che fantastica ricetta, super golosa!!!
    Buona giornata e complimenti!

    RispondiElimina
  15. Ciao Debora! Per me che adoro i formaggi, questa terrina è da svenimento!! Complimenti, una ricetta fantastica che farò di sicuro seguendo le tue indicazioni!! Magari per Natale!! Un bacione.

    RispondiElimina
  16. ma che terrina strepitosa!!! io sono una formaggiona nata e poi dalle mie parti taleggio e tanti formaggi sono di casa... mi è piaciuto molto il ricordo che hai raccontato legato al formaggio... davvero ricco di ricordi e di emozioni! ciao Ely

    RispondiElimina
  17. ancora complimenti per il giusto equilibrio delle dosi e dei sapori...poi i tre formaggi sono tra i più gustosi e scacciapensieri che esistano!
    brava ciao

    RispondiElimina
  18. beh devo dire che un idea di antipasto non male e semolice da prarare la golosità dei formaggi credo che tocca un po tutti

    RispondiElimina